Posts tagged ‘vitamina c’

Affrontare l’autunno con le giuste difese immunitarie

Se la brutta stagione (si fa per dire) arriva improvvisamente come sta accadendo quest’anno, ammalarsi è un gioco da ragazzi.
Sbalzi di temperatura improvvisi, pioggia, umidità: con agenti atmosferici come questi il raffreddore è proprio alle porte!
Eppure, per quanto difficile, evitare un malanno è sempre possibile. Basta, infatti, giocare d’anticipo. Come?
Facendo il pieno di Vitamina C.

E da dove inizia la prevenzione, se non dalla nostra tavola? Ve lo dico spesso e non mi stancherò mai di ripeterlo! Il nostro corpo è un contenitore, una macchina dotata di motore. Riempito delle cose giuste, funzionerà correttamente. Riempito male, o in quantità insoddisfacenti, si ritroverà ben presto malridotto e senza risorse.

Vediamo dunque, qui di seguito, quali sono gli alimenti e i cibi necessari per affrontare la stagione fredda nel migliore dei modi. Vedrete: un po’ di impegno e il vostro sarà un inverno da leoni!

 

Come rafforzare il sistema immunitario a tavola!

Sembrerà scontato (e in effetti lo abbiamo detto spesso), ma la prima cosa da fare per regalare all’organismo un sistema immunitario con la S maiuscola è fare il pieno di Vitamina C. Essa, infatti, lo rende più forte, robusto e veloce nelle varie reazioni chimiche, aiutandolo a contrastare virus e batteri.
Cosa mangiare? Agrumi, (tra i frutti più ricchi di vitamina C le arance, i limoni, i pompelmi, i mandarini) e kiwi (avete mai provato quelli gold?). Tra le verdure, invece, non dimenticate cavoli cappucci, verze e spinaci!

Ricchi di Vitamina C (forse non tutti lo sanno) sono anche l’aglio, la cipolla e il peperoncino. I primi due, addirittura, sono dei potentissimi antibatterici e antivirali! Che facciamo? Spaghettata? 😉

Per contrastare i virus, soprattutto quelli intestinali, lo yogurt è un grandissimo alleato. I fermenti lattici, infatti, rafforzano la flora e vi rendono più forti. Prediligete lo yogurt bianco 0,1% di grassi: terrete a bada anche la linea!

Nonostante vada controllato periodicamente e mantenuto nei valori giusti, il colesterolo produce anticorpi e permette all’organismo di fortificarsi in vista della cattiva stagione. Cosa mangiare? Mmm… io non cederei ai formaggi stagionati. Bastano 2 uova e 4 porzioni di carne a settimana!

Durante i pasti, se vi piace, concedetevi poi un bicchiere di vino. E’ ricco di ferro e di antiossidanti!

Per concludere, alla sera o durante lo snack pomeridiano, snocciolate un po’ di frutta secca. Tre noci o una manciatina di mandorle vi aiuteranno a produrre energia!

Annunci

Arance: d’inverno è bene fare il pieno di Vitamina C

Qualche giorno fa Amaranta si è raffreddata e, vivendo ogni istante della sua giornata attaccata al mio collo, mi ha irrimediabilmente contagiato. Nessuna sorpresa, me lo aspettavo. E’ sempre così ogni volta che si ammala, e dunque non ho battuto ciglio. Del resto, è l’ultima delle mie intenzioni quella di evitare i virus stando lontana da mia figlia quando lei sta male. E’ anzi proprio in queste situazioni che so che lei ha maggiormente bisogno di me e che la strapazzo di coccole dolcissime.

Affinché però tutte le mamme connesse, e in generale chiunque sia esposto al freddo e ai malanni tipici della stagione, fortifichino il proprio sistema immunitario e si presentino più forti di fronte a microbi e batteri, leggere questo articolo sarà probabilmente molto utile.

Qual è infatti uno dei migliori, se non il miglior alleato del nostro sistema immunitario? Senza dubbio, la vitamica C contenuta negli agrumi di cui questa particolare stagione dell’anno è ricchissima. Arance e mandarini, in primis.

Le avrete già viste, infatti, le arance, cominciare a spuntare su tutti i banchi dei fruttivendoli e dei negozi di frutta. E’ bene perciò che afferriate il vostro biodegradabile sacchetto della spesa e vi affrettiate ad acquistarle, perché tantissime sono le proprietà di questi buonissimi e succosissimi frutti mediterranei (oltre, ovviamente a quello sopracitato).

Costituite dall’80-90% d’acqua, contengono infatti fruttosio, sali minerali e vitemine (C, come premesso, A e B), acidi organici (tra cui l’acido citrico) e una buona dose di fibre. Sono fortemente antiossidanti, poiché combattono i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento delle cellule, contengono poche calorie (solo 45 per 100 gr) e, mangiate al naturale, sono molto drenanti e di facile digestione. Infine, poiché la pellicina bianca che riveste e lega tra loro gli spicchi è molto ricca di fibre, risulta essere un valido aiuto per il metabolismo.

Pelle disidrata che si squama: come rimediare!

Ero andata per una mappa dei nei, ma a un certo punto, più che sui nei, il dermatologo ha cominciato a concentrarsi sullo stato della mia pelle, che appariva secca e profondamente disidratata. Si è informato sulle mie abitudini più elementari, cercando di capirne la causa. Mi ha chiesto quanta acqua al giorno bevessi di media, se avessi l’abitudine di idratare la mia cute con una crema specifica e se mi nutrissi nella maniera giusta.

Perché la desquamazione della pelle, causata da un’eccessiva secchezza dell’epidermide, è chiaro sintomo di qualcosa che non va all’interno del nostro organismo. Nulla di grave, per carità. Semplicemente qualche azione (o non azione) sbagliata, che attuiamo più o meno inconsapevolmente su di esso. Oltre a essere fortemente antiestetico e “scomodo” (vi ritrovate pellicine e cellule morte attaccate alla parte interna di tutti i vostri capi d’abbigliamento), questo fenomeno è anche indicatore del fatto che il nostro corpo sta soffrendo. Come una gola secca sotto il sole, una macchina senza benzina.

Cosa fare allora per contrastare l’eccessiva e dannosa secchezza della pelle? In primo luogo, il consiglio è sempre lo stesso: bevendo molto. Vi sembrerò ripetitiva, ma la mancanza di acqua all’interno dell’organismo è causa di problemi piuttosto gravi. Cistiti, danni alla vista e ai reni, gonfiore e ritenzione dei liquidi: questi sono solo alcuni dei motivi per cui è bene dissetarsi. Si raccomanda di assumere almeno 1,5 litri al giorno (circa 8 bicchieri).

Oltre a bere, poi, è importantissimo assumere anche i cibi giusti. Consumare frutta e verdura, in particolare quella ricca di vitamina A e C, è utile per contrastare i radicali liberi che invecchiano precocemente le cellule. Non fate mancare mai sulla vostra tavola agrumi, kiwi, fragole, ribes, pomodori, peperoni, patate, piselli, broccoli, zucca, carote, meloni e papaie.

Dopo aver curato la pelle dall’interno, dunque (non dimenticate infatti che un buono stato della cute si ottiene agendo in primis dal di dentro del nostro corpo), passiamo in rassegna quelle che sono le azioni da compiere per reidratarvi. Cominciando dalla pulizia. Non utilizzate saponi molto schiumogeni, che indeboliscono le difese naturali. Scegliete piuttosto prodotti con agenti seborestitutivi. Dopodiché esfoliate, eliminando così le cellule morte e favorendo la sostituzione con quelle nuove prodotte dallo strato germinativo della pelle. Infine, spalmate una dose abbondante di crema idratante.

Altri piccoli consigli utili possono essere quelli di evitare gli ambienti troppo umidi o areati, di prediligere un abbigliamento il meno sintetico possibile e, in caso in cui ce ne sia bisogno, di assumere i giusti integratori.

fonte: Cosmopolitan, Novembre 2011