Posts tagged ‘ricette light’

Torta allo yogurt, easy and light!

Non solo la torta allo yogurt che sto per proporvi è buonissima, ma è anche molto semplice da preparare, veloce da realizzare (pensate che, durante l’impasto, non necessiterete neanche di una bilancia) e non eccessivamente calorica.
E’ davvero perfetta per la vostra colazione di Natale quando, avendo molto probabilmente mangiato troppo alla sera del 24, gradirete un dolce buono, ma allo stesso tempo leggero.
E’ ottima anche per la merenda, insieme a una tazza di tea. L’appuntamento goloso che non manda all’aria le vostre giornate di sacrifici appresso alla dieta!
Continuate a leggere!

TORTA ALLO YOGURT

Come premesso, per preparare questo dolce, non avrete bisogno di una bilancia. La vostra unità di misura, infatti, sarà rappresentata dal vasetto di yogurt che avrete utilizzato nell’impasto!

Ingredienti

1 vasetto di yogurt (io uso quello bianco, ma il gusto è a vostra scelta, purché non ci siano pezzi di frutta all’interno)
3 vasetti di farina
1 vasetto di zucchero
1 vasetto scarso di olio (io uso quello e.v.o.)
1 vasetto di latte (la ricetta originale e prevede solo due cucchiai di latte, ma in questo modo la torta viene più secca, simile a un ciambellone. A me invece piace che venga spumosa e compatta, come quella della foto, tratta dal web)
3 uova
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito vanigliato
1 pizzico di sale

Procedimento

In una ciotola, unite lo yogurt allo zucchero e mescolate con un cucchiaio di legno. Quando l’impasto sarà bello corposo, aggiungete la farina, l’olio, le uova e la vanillina. In un pentolino d’acciaio abbastanza capiente, fate scaldare il latte e scioglietevi dentro il lievito. Unite all’impasto e continuate a girare. Aggiustate di sale e mescolate per bene.
Foderate con carta da forno un testo 24/26 e riempitelo con il composto. Cuocete in forno preriscaldato a circa 175° per 40 minuti!
Io non amo mettere lo zucchero a velo sui dolci, ma se a voi piace, siete liberissimi di decorare la vostra torta come meglio preferirete.

Calorie per porzione (immaginando di dividere la torta in 12 fette): meno di 250

Buon appetito 😉

93017286

Pasta alla Norma LIGHT

Ricettina veloce veloce e very very light studiata proprio stamattina per un pranzo leggero e in salute senza per questo rinunciare al gusto e alla soddisfazione del palato.
Ispirata alla ben più nota Pasta alla Norma siciliana, ecco a voi una variante (ovviamente sperimentata da me medesima 😀 ) che non ha , a mio avviso, proprio nulla da invidiare all’originale. I consigli light? Grigliare anziché friggere le melanzane e limitare condimenti e formaggi stagionati. Provare per credere! 

PASTA ALLA NORMA LIGHT

Ingredienti x 2 persone:

140 gr complessivi di maccheroni
una decina di fettine di melanzana grigliate non troppo sottili
polpa di pomodoro
basilico
aglio
olio (facoltativo)
parmigiano grana o ricotta da grattugiare

Procedimento:

In una pentola, versate la polpa di pomodoro e l’aglio schiacciato. Io non amo mettere anche l’olio nel sugo (preferisco consumarlo a crudo), ma in caso lo preferiate potete mettere anche due cucchiaini a testa nel pomodoro senza fare il soffritto. A cottura del sugo ultimata fate appassire il basilico e versate le melanzane precedentemente grigliate e tagliate a pezzettini grossolani. Rosolate un paio di minuti, il tempo che si insaporiscano. A parte cuocete la pasta, scolate e versate nel sugo. Girate per bene e spolverate con un po’ di grana o con della ricotta da grattugiare.

Buon appetito!!!

Il Riso allo yogurt: dallo scetticismo all’amore (LIGHT)

Confesso: mentre lo preparavo ero talmente scettica che, se da una parte, passaggio dopo passaggio, mi avvicinavo a completare la ricetta, dall’altra, ingrediente dopo ingrediente, mi quasi pentivo di aver sacrificato con quel pasto la possibilità di prepararmi un pranzo migliore.

La curiosità infatti era talmente grande che non riuscivo a fermarmi e più andavo avanti più temevo una rovinosa delusione.
Avevo trovato la ricetta qualche giorno prima su una nota rivista e la voglia di provare, unita al desiderio di mangiare un pranzo leggero ma alternativo, aveva decisamente preso il sopravvento.

Così, armata di riso, yogurt bianco magro e cetrioli crudi mi sono cimentata in un’impresa che sembrava in un primo tempo impossibile, ma che si è rivelata invece un successo straordinario sbocciato in un amore destinato a durare per sempre: il riso allo yogurt con cetrioli.

Tecnicamente, lo yogurt con cetrioli altro non sarebbe che lo tzatzichi, specialità greca conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Non avendo io però né yogurt greco né aneto, ingredienti indispensabili per lo tzatzichi, ho deciso di ricreare una variante tutta italiana.
Ve la ripropongo.

RISO ALLO YOGURT CON CETRIOLI (LIGHT E DELIZIOSO)

 Ingredienti a persona:

70 gr di riso
65 gr di yogurt bianco magro
1 cetriolo crudo
pepe nero
sale
prezzemolo o basilico

Procedimento:

Portate a bollore una pentola piena d’acqua. Calate il riso, salate e cuocete fino al punto di cottura desiderato. Nel frattempo tagliate a dadini molto piccoli un cetriolo, salatelo e lasciatelo scolare dell’acqua di vegetazione. Unitelo allo yogurt bianco, spolverate con un pochino di pepe nero e unite l’erbetta tritata finemente. Incorporate il riso e mischiate per bene.

L’apporto calorico di questa ricetta è davvero l’ideale all’interno di un regime ipocalorico. Lo yogurt, infatti, va a sostituire il secondo proteico e il piatto risulta essere completo. A seguire una bella insalatona completerà infatti l’opera 😉

(foto tratta dal web)

Zucchine ripiene di carne macinata e formaggio

Sabato sera ho avuto ospiti a cena una coppia di amici (due dei migliori, ad essere sincera) e, poiché il pasto ruotava principalmente intorno a una pizza mozzarella e pachino tra le più buone che io abbia mai assaggiato, ho deciso che le mie abilità culinarie dovevano giocarsi il tutto e per tutto sull’antipasto.
Ciò che infatti più mi dà soddisfazione al mondo, dopo la mia famiglia e il mio lavoro ovviamente, è la cucina e la mia passione non poteva essere messa da parte solo perché si era deciso di ordinare una pizza.
Così, mi sono armata di pazienza e fantasia, e ho pensato per tre giorni e tre notti a come potevo realizzare tale antipasto 😀
Oltre alle solite fette di prosciutto crudo, dunque, ho preparato dei “panini di mozzarella” (ho tagliato i cappelletti dei bocconcini di mozzarella e li ho riempiti di uno strato di pomodoro da caprese e di una foglia di insalata condita con olio e sale), “pachino ripieni di philadelphia e rucola”, “insalata di fagioli di Spagna, cipolla e prezzemolo”, “tortini di melanzane grigliate” e, soprattutto, le “zucchine ripiene di carne macinata e formaggio”. I miei ospiti si sono talmente complimentati nel mangiare quest’ultima pietanza, ché ho deciso di riproporla anche a voi. Fatela perché è buonissima!!!
Alla fine dell’articolo, una foto (seppur a bassa risoluzione) della mia tavola apparecchiata. Le spighette che vedete affianco ai piatti sono panini di Genzano dei più buoni al Mondo.

ZUCCHINE RIPIENE DI CARNE MACINATA E FORMAGGIO 

Ingredienti x 4

8 zucchine bianche di quelle rotonde
250 gr di carne macinata
prezzemolo
cipolla
aglio
formaggio tipo sottiletta

Preparazione

Lavate le zucchine e svuotatele del ripieno. Conservate il ripieno da parte e tritatelo quanto più finemente insieme a uno spicchio d’aglio, un po’ di cipolla e un ciuffetto di prezzemolo. Nel frattempo, immergete le zucchine per una decina di minuti in acqua salata che bolle. Spegnete quando si saranno ammorbidite (attente a non tenerle troppo o si rompono).
Mettetele a scolare a testa in giù e aspettate che siano ben disidratate.
In una padella soffriggete il macinato e quando sarà dorato aggiungete a rosolare anche il ripieno delle zucchine tritate.
Lasciate raffreddare il composto e poi riempite le vostre zucchine ben bene fino all’orlo, aggiungendo qualche pezzettino di formaggio tipo sottiletta.
Disponetele in una pirofila foderata con carta da forno e infornate per circa 45 minuti a 190° coprendo le zucchine, negli ultimi dieci minuti, con un foglio di alluminio.

Servite e… buon appetito 😉

 

Ricette per lo Svezzamento: Vellutata d’Autunno

Ho ideato questa ricetta (in realtà una semplicissima variante del brodo vegetale) questa mattina, aprendo il frigo e accorgendomi di non avere le verdurine necessarie per il passato. Bieta, lattuga e sedano: stamattina mancava veramente tutto! Premetto che per la mia bambina uso il più possibile le verdurine dell’orto, approfittando del fatto che il mio papà ha un piccolo angolo in giardino che cura più per passione che per necessità. E che non uso mai passati di verdura preconfezionati perché è indubbio il fatto che i prodotti della natura perdono gran parte delle loro vitamine poche ore dopo la raccolta (figuriamoci dunque quanto possa essere rimasto in un brodo vegetale in… bustina).
Sto sempre attenta che nel frigo non manchi mai nulla per la mia bambina e mi affido il più possibile ai prodotti biologici, i migliori in assoluto.

Eppure, nonostante tutte queste accortezze, stamattina non avevo nessuna verdura! Ieri, provvedendo all’abituale scorta di carne e pesce, infatti, ho dimenticato gli ingredienti per il brodo!
Ecco allora che, complice l’atmosfera bellissima che i colori dell’autunno puntualmente suscitano in me, ho deciso di creare questa ricettina semplice e veloce! (ps: è buona anche per i grandi 😉 )

Vellutata d’Autunno

Ingredienti

2 zucchine
1 bel pezzo di zucca
1 carota
1 patata
1 cipolla
1 cucchiaio di lenticchie
olio
parmigiano

Procedimento

Preparate un brodo vegetale mettendo in circa mezzo litro d’acqua tutte le vostre verdure. Fate cuocere fino a che la carota, che è la più dura, risulterà lessata (verificate con una forchetta). A cottura ultimata passate tutte le verdure scolate dal brodo. Otterrete una cremina. Aggiungete con un mestolo la quantità di brodo che desiderate in base alla consistenza che volete ottenere. Aggiungete due cucchiaini d’olio, abbondante parmigiano, il formato di pasta o pastina che preferite, et voilà. Pronto! E’ concesso aggiungere anche un po’ di sale se a mangiarla saranno degli adulti.

Semplice, veloce e… poco calorica 😉

(foto presa dal web)

Torta di mele light: in forma con gusto!

Sabato sera ho avuto come ospiti a cena mia suocera e i miei cognati.
Siamo una famiglia affiatatissima (non c’entra nulla con la ricetta, ma ci tenevo a dirlo) e abbiamo deciso di trascorrere insieme l’estate di San Martino, presentatasi quest’anno estate per davvero, viste le gradevolissime ma un po’ anomale temperature.
Nel mio paese l’11 Novembre si festeggia con una bella abbuffata di pizza bianca e mortadella, accompagnata da un bel bicchiere di vino rosso.
Come direbbe la mia amica Giusy, roba da essere bannati da questo blog!
Però, e questo è un concetto che ho espresso più di una volta, la dieta non va vissuta come un sacrificio tremendo e crudele, ma piuttosto come l’apprendimento di uno stile alimentare corretto ed equilibrato, all’interno del quale esistono frangenti in cui è possibile anche sgarrare e concedersi qualche momento gustoso. Del resto, se non si esagera, nessuna cena o ricorrenza può trasformarsi in un pasto rovinoso.
Essendo comunque il menù abbastanza ricco di calorie, ho pensato che il dolce, anche per una certa armonia di sapori, avrebbe dovuto essere molto semplice e leggero.

Ho scelto una torta di mele che, oltre a non essere troppo zuccherina, è anche salutare (tutti voi sapete quanto le mele facciano bene) e buonissima!
Per un dolce di diametro normale, gli ingredienti sono i seguenti:

200 gr di zucchero
300 gr di farina
3 uova
1 tazzina da caffé di olio e.v. d’oliva
1/2 kg di mele sbucciate e pulite del torsolo (circa 4)
1 bustina di lievito

Ecco adesso il semplicissimo e velocissimo procedimento:

In una ciotola capiente, sbattete le uova con lo zucchero. Aggiungete la farina, l’olio e il lievito. Mischiate per bene e addizionare le mele tagliate a dadini. Continuare a mescolare. Foderate un testo con carta forno (così non dovrete usare neanche un grammo di burro 😉 ) e  versate il composto. Non preoccupatevi se l’impasto non risulterà essere molto morbido. Vuol dire che tutto sta andando per il verso giusto! Infornate allora per circa 30 minuti.

La ricetta originale prevede anche l’aggiunta di qualche cubetto di cioccolato fondente. Non è vietato neanche nel caso in cui vogliate stare attenti alla linea. Il cacao amaro non fa ingrassare (se non ingerito in grosse quantità) e fa bene alla salute. In ogni modo, la torta è buonissima anche senza. Le mele, morbide, danno già un senso di “ripieno” all’impasto.

foto: tratta dal web

Perché la cosa più bella…

… è cucinare per gli ospiti.

E anche se un marito non è prettamente un ospite, ogni venerdì nella cucina di casa mia si accendono le luci della festa. Come molti di voi sanno, infatti, per altri due anni io e Carmine ci vedremo soltanto nel fine settimana, separati da esigenze di lavoro, e il venerdì è il giorno in cui, sapendolo tornare, posso sfiziarmi come meglio voglio per rendere il suo ritorno accogliente. Si comincia dalla spesa al supermercato alla mattina e si finisce con la preparazione della cena alla sera.

Cosa gli cucino?
Beh, c’è da dire che mio marito ed io, in fatto di alimentazione, siamo totalmente incompatibili. Io, “erbivora” e iper-salutista; lui, “cannibale” e affatto preoccupato di curare la sua alimentazione. Non crediate che io non provi costantemente a modificare le sue abitudini, ma la pianta vecchia fa in genere fatica a piegarsi. Ecco allora che, evitando con furbizia le discussioni, mi adopero affinché la cena sia il più light possibile senza che lui debba necessariamente rinunciare ai suoi piatti preferiti.

Ecco il menù di ieri sera:

Peperoni verdi ripieni di pane e prezzemolo

Ingredienti (x 2 persone):

12 peperoni verdi (quelli piccoli, i cosiddetti friggitelli)
mollica di pane raffermo
sale
prezzemolo
2 cucchiaini d’olio

Lavate i peperoni, privateli della parte superiore (se i peperoni sono grandi conservatela: potrete usarla come tappo durante la cottura). Svuotateli dei semi e metteteli da parte. In una ciotola, amalgamate la mollica di pane, il sale, l’olio e il prezzemolo. Riempite i peperoni con il composto e sistemateli in una teglia con carta da forno. Versate nel fondo un bicchiere d’acqua, spolverate con un po’ di sale e informate a 200° per circa 1he30.

Bistecca di maiale sfumata alla birra

Ingredienti (x 2 persone):

2 bistecche di maiale
1 lattina di birra bionda
1 carota
1 gambo di sedano
aglio
cipolla
olio
sale

In una pentola fate soffriggere nell’olio due spicchi d’aglio. Aggiungete un trito sottile di carote, sedano e cipolla. Quando le verdurine si saranno ammorbidite schiacciatele un po’ con la forchetta fino a creare un composto il più possibile simile a una cremina. Mettete allora le bistecche e fatele andare. Quando saranno ben colorite, salate e versate poco meno di una lattina di birra. Continuate a cuocere fino a che la birra non sarà evaporata. Servire con il sughetto di cottura.